VIAGGIO IN CONGO BRAZZAVILLE E GABON

 

DATE: da concordare

PARTECIPANTI: ...

VISTI: posso prenderlo io, è obbligatorio il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla.

ITINERARIO: è un viaggio in due stati africani tra i più vergini al turismo di massa, quindi non ci sono nemmeno particolari attrattive turistiche, la ricchezza invece la troveremo proprio nell'incognito, nel non sapere se troveremo da dormire e da mangiare, conteremo spesso sull'appoggio delle missioni cattoliche, in uno scenario dove la natura straborda con tutta la sua prepotenza equatoriale. E' difficile però stilare un itinerario, siamo sempre nella condizione di "in linea di massima", ho pensato di scegliere come aeroporto di A/R Pointe Noire in Congo, qui visiteremo il gran marché e cercheremo un mezzo e un autista che ci possa accompagnare; le belle spiagge e i villaggi di pescatori sull'oceano le lasciamo per gli ultimi giorni, come premio rilassante alle fatiche del

viaggio. Raggiungeremo il lago Nanga e le sue piattaforme petrolifere per arrivare fino all'enclave di Cabinda, poi le gole di Diosso suggestivo sito naturale simile ad un gran canyon, la foresta del mayombe e pernotteremo nel villaggio di Bilinga. Poi, arriviamo alla capitale Brazzaville, adagiata sul grande fiume Congo, e unica capitale che ancora conserva il nome del suo fondatore, colono europeo, ma ben diverso da tutti gli altri: Pietro Savorgnan di Brazzà. Qui visiteremo il mausoleo a lui dedicato, il mercato di Poto Poto e la spiaggia rocciosa di "Les Rapides", praticamente dopo lo Stanley Pool, sul fiume. Quindi saliamo in Gabon, navighiamo lungo il fiume Ougoué per raggiungere il parco nazionale dell'Ivindo con le bellissime cascate, tenteremo di avvistare e magari convivere con tribù pigmee e incontreremo i gorilla. Ridiscendiamo il paese puntando verso la costa atlantica e al parco costiero di Loango, dove elefanti e ippopotami vanno a bagnarsi in mare. Infine ritorniamo a Pointe Noire per un pò di mare e quindi ritorno in Italia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

in previsione per giugno 2018

© 2013 Ospiti in Africa